Attività Federali

PICKLEBALL PIACE: LA STRATEGIA DI SVILUPPO FITP

Per rispondere a una domanda in costante crescita, la Federazione Italiana Tennis e Padel ha studiato un piano – pratico e di comunicazione – per promuovere e sviluppare al meglio lo sviluppo del Pickleball.

Si parte dai regolamenti e si arriva alla formazione degli insegnanti, passando per competizioni individuali e a squadre, promozione nelle scuole e tanto altro.

Le attività della FITP e dell’Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi” non sono mai state così ampie e variegate. Perché dallo scorso mese di marzo, con l’inclusione nel Regolamento Tecnico Sportivo delle regole che ne disciplinano il funzionamento, è ufficialmente entrato a far parte del mondo FITP anche il Pickleball, e ne è iniziato un processo di promozione – nei confronti dei giocatori e delle strutture – che diventerà sempre più importante e strutturato.

A tal proposito, è stato costituito un Comitato Pickleball (composto da Giulia Soresina, Giuseppe Lappano, Zelindo Di Giulio, Marcello Molinari, Marco Iacuone, Marco Marte, Roberto Commentucci e Aurelio Ambrosi), che ha l’obiettivo di rendere la FITP l’organizzazione leader in Italia nello sviluppo della disciplina, facendo leva sugli asset federali e sfruttando al massimo le potenziali sinergie con gli altri sport di racchetta governati dalla Federazione.

Il tutto per strutturare l’attività a vantaggio di circoli affiliati e tesserati. Per tutti gli attori, infatti, il Pickleball costituisce una grande opportunità di diversificazione del prodotto e delle attività, che consentirà il reclutamento di nuove fasce di utenza, di soci, di tesserati, di società affiliate, ampliando ulteriormente il perimetro federale.

La strategia studiata dalla FITP per la promozione e diffusione del Pickleball passa dalla messa a punto di vari strumenti e prevede una serie di azioni da mettere in campo, per assicurare che, a partire dall’inizio del prossimo anno, sussistano le condizioni per poter avviare una attività di gara capillare a livello nazionale (ovviamente a carattere promozionale). Fra i passaggi chiave, saranno sviluppati i seguenti:

  • una solida cornice normativa e regolamentare;
  • strumenti informatici e tecnologici a supporto dell’attività organizzativa, agonistica e non agonistica;
  • azioni di promozione della disciplina con l’utilizzo dei media federali, della rete territoriale, degli altri asset federali (promoter TPRA, Fiduciari ISF, etc.);
  • una strategia di formazione per la creazione di insegnanti qualificati;
  • una compagine di ufficiali di gara debitamente formati.
  • linee guida, norme e agevolazioni in materia di impiantistica (regole per omologazione, superfici, recinzioni, requisiti minimi per campi provvisori, agevolazioni Credito Sportivo, etc.).

Due gli strumenti chiave individuati per il progetto: la piattaforma TPRA e i media federali.

L’utilizzo della piattaforma TPRA a supporto dell’attività di gara

La gestione dell’attività di gara richiede una piattaforma elettronica per l’organizzazione dei tornei, l’identificazione dei giocatori, la registrazione dei risultati, la pubblicazione dei calendari, etc.

Attualmente, il piccolo numero di appassionati di Pickleball attivi a livello europeo (nelle gare internazionali organizzate sotto l’egida della European Pickleball Federation) utilizza le piattaforme “Pickleball Global” e “RAQT”. Per fare da volano allo sviluppo delle gare nazionali si propone di utilizzare la piattaforma TPRA, che costituisce un prezioso asset federale e che grazie alla sua flessibilità (e immediata disponibilità, a parte un necessario lavoro di personalizzazione) appare lo strumento più efficace a governare la fase di sviluppo.

La piattaforma consente di raggiungere agevolmente, con una semplice mail automatica, una platea amplissima e già fidelizzata di giocatori di tennis, padel, beach tennis, oltre che di giovanissimi (i partecipanti al Fit Junior Program).

Inoltre, è di semplice utilizzo e già ben conosciuta da una ampia rete di promoter TPRA, che potrebbero essere rapidamente messi in grado di supportare i Circoli nell’organizzazione di tornei di Pickleball.
Qualche numero può fornire un’idea più precisa del potenziale della piattaforma TPRA in termini di promozione.



L’utilizzo dei media federali a supporto di circoli e giocatori


I media federali (sito web, Supertennis, Supertennix, etc.) non avranno solo un ruolo cruciale nell’azione di promozione della disciplina, ma saranno fondamentali anche per fungere da punto di coordinamento degli attori coinvolti (Circoli organizzatori, giocatori, ISF, Comitati Regionali, etc.). I media federali devono fungere da strumenti di collegamento per fare incontrare domanda e offerta.

I club devono avere a disposizione tutte le informazioni necessarie per sapere come installare un campo, come organizzare tornei, come promuoverli a dovere e come districarsi fra le varie formule proposte, tutte pensate per esaltare lo spirito conviviale del Pickleball e la sua natura aggregativa. I giocatori, invece, devono conoscere il regolamento e le attrezzature, oltre a sapere dove possono imparare da istruttori qualificati, dove allenarsi e dove/come competere.

Il sito web, in particolare, dovrà soddisfare tre bisogni fondamentali:


  • guidare i giocatori alla ricerca di un torneo (quindi con un calendario diviso per province);
  • supportare i Circoli che vogliono sapere come organizzare competizioni;
  • fornire adeguata informativa ai Circoli che vogliono mettere a punto campi da Pickleball (provvisori o permanenti).

Il contributo dell’attività di formazione


L’Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”, in collaborazione con la PPR (Professional Pickleball Registry), fornirà un contributo fondamentale allo sviluppo della disciplina. Le iniziative dell’ISF – che si muove in sinergia con le altre due leve: piattaforma TPRA e media federali – avranno infatti una duplice valenza. Da un lato, mireranno a costruire un corpo organico di insegnanti preparati e aggiornati, da distribuire capillarmente su tutto il territorio nazionale. Dall’altro lato, il corpo insegnanti, a mano a mano che entrerà in contatto con il Pickleball, fungerà esso stesso da veicolo di promozione e diffusione della disciplina presso i Circoli, fra i tesserati e gli allievi, organizzando eventi didattici e ludici e promuovendo i progetti federali.

Di seguito le iniziative intraprese o avviate dall’ISF:


Sono attualmente in via di definizione, mediante una apposita modifica delle carte federali che verrà sottoposta al Coni (Regolamento dei Tecnici, libro 6 del Regolamento Organico), le figure professionali degli insegnanti di Pickleball: Istruttore di 1° livello, Istruttore di 2° livello, Maestro Nazionale;

  • Il Pickleball è stato ufficialmente inserito, insieme al tennis, al beach tennis, al padel e al tennis tavolo, fra le discipline che saranno promosse fra gli alunni delle scuole primarie e secondarie, nell’ambito del progetto Racchette in Classe 2024.

  • Nel trimestre ottobre-dicembre la Federazione pubblicherà dei bandi di concorso straordinari per consentire a coloro che hanno ottenuto qualifiche presso altri enti formatori l’equiparazione alla qualifica FITP di Istruttore di 1° livello di Pickleball;

  • A partire dal 2024, la FITP lancerà dei bandi di concorso per istruttori di 1° livello di Pickleball su tutto il territorio nazionale. L’attività formativa sarà così articolata:
    – Il modulo di insegnamento delle materie scientifiche si terrà on line

– Il modulo didattico in presenza del venerdì pomeriggio, dedicato al Pickleball, sarà erogato anche ai partecipanti ai contemporanei corsi per istruttori tennis; questi ultimi potranno decidere se partecipare anche ai moduli formativi riservati al Pickleball dei successivi due giorni (sabato e domenica); in tal caso, conseguiranno, oltre alla qualifica di Istruttore di 1° livello di tennis anche quella di Istruttore di Pickleball;

– Alla domenica, in chiusura del modulo in presenza del corso per Istruttore di 1° livello di Pickleball, prima dell’esame finale, sarà organizzato presso il circolo ospitante un torneo dimostrativo/promozionale, che sarà aperto a tutti i tesserati che vorranno partecipare.

Sviluppi successivi e prossimi adempimenti


Per la promozione del Pickleball, nel corso del 2024 sarà prioritario iniziare a immaginare un format di attività a squadre, che presenta un elevatissimo potenziale di crescita e può diventare il cuore dello sviluppo. Lo dimostra il sistema che va a gonfie vele negli Stati Uniti: le competizioni a squadre esaltano la natura conviviale e associativa del gioco, creando aggregazione.

Il che diventa un’opportunità enorme per i club. A tal fine occorrerà iniziare a prevedere un coinvolgimento degli organi periferici della Federazione (Comitati Regionali) ed eventualmente degli ufficiali di gara.

Il primo grande passo della promozione del Pickleball arriverà però già nel fine settimana, sabato 29 e domenica 30 luglio, allo storico Pickleball Tocco Club di Tocco da Casauria (Pescara), sede dell’Italian Pickleball Association.

Una manifestazione che ha come obiettivo quello di radunare giocatori, operatori e appassionati, così da iniziare un processo di informazione sulle strategie FITP per i mesi a venire.

Michelangelo Dell’Edera, direttore dell’Istituto Superiore di Formazione R. Lombardi

Oltre al direttore dell’ISF Michelangelo Dell’Edera, al quale spetterà il compito di aprire l’evento con uno stage informativo, saranno presenti alcuni dirigenti federali e naturalmente i membri del Comitato Pickleball, per una due giorni all’insegna di conoscenza, formazione e anche attività.

Ulteriori informazioni sull’evento sono disponibili a questo indirizzo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio